top of page

BHUTAN - Il Paese della Felicità Interna Lorda

Aggiornamento: 23 mag 2023

Arroccato tra le vette Himalayane c’è un Paese che conta circa 750.000 abitanti grande come la Svizzera in cui le scelte di Governo sono per Costituzione stabilite sulla base della Felicità Interna Lorda (GHN Gross National Happiness).

Il Bhutan è una monarchia costituzionale multipartitica schiacciata tra due giganti sovrappopolati come India e Cina che tenta con tutte le sue forze di smarcarsi dal destino della “Via di Sviluppo” imposta da decenni senza successo ai Paesi meno ricchi.

Conscio dei disastri causati dalle idee di “progresso” del secolo scorso, ha fatto della sostenibilità sociale ed ambientale la propria bandiera, al punto da aver sottoposto alle Nazioni Unite il proprio progetto di sviluppo basato sulla Felicità Interna Lorda. Inaspettatamente questa idea avveniristica è stata pienamente approvata dall’ONU e sta garantendo a questo minuscolo Paese una “apertura auto-controllata” al resto del mondo, assicurando ai propri cittadini una qualità di vita decisamente più elevata rispetto a tutti i Paesi analoghi in termini di PIL pro capite.

Il Bhutan è così riuscito a mantenere vive le proprie tradizioni tutte incentrate fondamentalmente intorno al Buddhismo Vajrayana, tipico del Tibet e dei Paesi Himalayani. Nel contempo il 60% del territorio è coperto da Parchi Naturali e corridoi ambientali, preservando l’incredibile varietà ambientale, dai tropici ai ghiacciai. La caccia in questo Paese Buddhista non è praticata, rendendo relativamente facile la convivenza delle specie selvatiche con l’uomo.

Ricco di bellezze naturali, architettoniche e culturali d'eccezione, il Bhutan è un luogo dove viaggiare, osservare, camminare e meditare sembrano essere spontaneamente fusi in una sola coinvolgente esperienza. Dalle pianure al confine con l'India alle vette ghiacciate al confine col Tibet cinese, una varietà ambientale incredibile segna la memoria di chiunque lo attraversi.

Forse non è un caso che questo piccolo Paese ha saputo fin ora affrontare la pandemia COVID meglio di chiunque altro con una mortalità verificata bassissima (ha il record mondiale con "solo" lo 0,05% delle infezioni). Persino la World Health Organization ha lodato il Bhutan per l'efficacia delle scelte di politica sanitaria.

Il dilemma di questo piccolo Paese è oggi come evitare di essere travolto dalle dinamiche globali alla quali anche le più grandi potenze sembrano essere costrette a soggiacere, senza diventare una "pariah" economico e una colonia sfruttata dai grandi vicini. Per ora la formula della Felicità Interna Lorda sembra funzionare. Per evitare l'influsso negativo del turismo di massa (che inevitabilmente favorisce la quantità sulla qualità e il gioco a ribasso sui prezzi) il governo ha deciso di imporre ai visitatori una tassa che, a seconda della stagione, varia dai 200$ ai 250$ al giorno, Sembra tanto, ma praticamente include tutto tranne i (modesti) costi d'agenzia e i voli: dall'alloggio ai pasti, ai trasporti, etc. Se la tassa sembra alta, occorre sapere che il Governo destina automaticamente queste finanze a progetti di sviluppo sostenibile, parchi naturali e altre attività legate al Benessere Interno Lordo, e questo è un Paese con un tasso di corruzione molto basso...

happiness felicità gioia vita mindfulness meditazione viaggi trekking himalaya bhutan nepal mindtrek


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page